Vivere il bosco a Tertulia

Tertulia coliving è in mezzo al bosco. Gli alberi sono i veri protagonisti della nostra terra, ci sono querce, carpini, frassini, aceri, olmi ma anche castagni, ciliegi, fichi, meli, peri, susini tutti spontanei e integrati a formare una comunità di viventi molto ricca.

Soggiornando a Tertulia potrai entrare a far parte di questa comunità, allargata anche agli abitanti e agli ospiti di questo borgo e connetterti con il ritmo delle giornate e delle stagioni, apprezzando la pioggia, il sole, il freddo, la brezza estiva, le notti stellate e quelle di luna piena.

A Tertulia l’attività agricola è fortemente legata al contesto del bosco, gli alberi sono i nostri primi produttori di cibo e un passo dopo l’altro sveliamo le relazioni della rete che forma il nostro ecosistema e ne attiviamo opportunità produttive: le galline (i primi uccelli del bosco), le verdure (ai margini del bosco) e poi funghi, legna, bacche ed erbe spontanee.

Come potrebbe ispirarti nel tuo lavoro conoscere meglio il tuo ecosistema e la rete degli elementi che lo compongono?

L’orto rigenerativo
Abbiamo progettato l’orto con la permacultura e con i principi di agricoltura rigenerativa. Dall’orto produciamo verdure per il consumo di Tertulia coliving e vendiamo il surplus attraverso una rete di gruppi d’acquisto e il progetto di agricoltura sociale Radici Umane. Potrai partecipare alla raccolta, assaggiare le verdure di stagione, ma anche affiancarci nelle fasi del lavoro di gestione dell’orto se lo desideri!
La marroneta
Gestiamo un bosco di castagni secolari dove produciamo il Marrone del Mugello IGP. La marroneta è un posto magico, non solo durante la raccolta dei marroni, ma nelle varie stagioni dell’anno. Racconta della storia di questa terra, delle generazioni di contadini che l’hanno tramandata, delle tradizioni e del rispetto per i boschi. Non è difficile trovare funghi buonissimi, incontrare animali selvatici, respirare profumi del bosco, lasciarsi cullare dalla natura.
Il panorama
Il bosco che ci circonda è in una posizione speciale, arrampicato sulle colline dell’appennino mugellano pur restando a soli 10 minuti dal paese. Una delle cose che amiamo di più di vivere a Tertulia è la vista a 360 gradi che spazia sulle valli, sui monti, sui boschi del mugello intorno a noi. Il toponimo del luogo è “Il Monte”, proprio perché stiamo su un poggio e dominiamo il panorama circostante.
Gli ulivi
Non si può immaginare il piacere di produrre il proprio olio! Oltre ad essere una vera e propria spremuta di salute ci accompagna durante tutta la stagione invernale ed estiva ad ogni pasto. Le piante di ulivo sono piante profumate, cortesi nel loro condividere lo spazio con gli altri alberi (non immaginatevi monocolture estese di ulivi, il nostro è un uliveto dove domina la biodiversità) e generosi nell’offrire i loro frutti e nell’accettare le nostre potature per agevolare la raccolta e la produzione di olive.
Il Bosco
In mezzo al bosco significa che uscendo dalla porta di casa a Tertulia puoi partire per una passeggiata. In ogni direzione: a nord nella marroneta, a sud nel bosco di querce, a ovest nelle terrazze, a est salendo verso Paterno e esplorando i sentieri che portano avanti e ancora avanti verso cammini affascinanti. Funghi, frutti e bacche spontanee (da saper ben riconoscere!), forme, odori e colori, il suono del vento e del camminare sul soffice terreno di bosco, quante sensazioni e quanto benessere ci offrono questi splendidi esseri viventi che tanta saggezza portano con sè.
Animali selvatici
A Tertulia non è difficile incontrare animali selvatici, facile vederne le tracce evidenti (quando entrano nell’orto, mangiano la frutta caduta a terra, cantano nella notte, lanciano i loro richiami). Al buio con i fari dell’auto rientrando a casa abbiamo spesso incontrato cinghiali, caprioli, tassi, istrici, volpi, rapaci notturni. A settembre inoltrato i cervi lanciamo i loro bramiti che si sentono chiaramente da casa e a volte ci è capitato di trovare qui vicino i palchi di corna di cervo! Anche il lupo è un abitante di queste zone. Non possiamo poi non considerare gli uccelli, tantissimi e diversi tra loro che con il loro canto colorano le giornate di Tertulia.
Stelle, luna, lucciolate
Quando mi sono trasferito in campagna sono rimasto impressionato dalla luna: incredibile la differenza di una notte di luna piena e di una notte di luna nuova abitando sempre nello stesso posto! Poi l’inquinamento luminoso assente ci consente di osservare tutte le stelle del firmamento nel loro splendore. A giugno non potete perdervi le lucciole: per una decina di giorni la notte si illumina come a natale di stelline luccicanti, che volano sui prati offrendo uno spettacolo davvero unico e speciale. Lo sapevi che a volare è il maschio e che le femmine stanno nascoste nel prato attraendoli con il segnale luminoso?
Foraging
Sai che si potrebbe alimentarsi per il 30% del nostro fabbisogno solo con piante spontanee? Sai che ci sono più di 30.000 specie di piante commestibili conosciute e che nel mondo solo 5 piante sono l’80% di quello che si mangia? Anche noi stiamo piano piano imparando a conoscerle e ci affidiamo ad esperti per organizzare incontri esperienziali per il riconoscimento, la raccolta e la cucina delle erbe spontanee. E’ bellissimo sedersi a tavola e vedere l’espressione sul volto di chi prova per la prima volta in vita un sapore nuovo: come ritornare bambini.
Previous
Next